Blog

Con internet e l'avvento dell'era digitale, le aziende hanno potuto aprire nuovi orizzonti per i propri business cogliendo vantaggi ed opportunità impensabili fino a un paio di decenni fa.

Il web ha permesso, a chi svolge un'attività di impresa, non solo di promuovere in modo più efficace prodotti o servizi entrando più intesamente ed efficacemente in contatto con il proprio pubblico di riferimento, ma anche di poter intercettare e comprendere meglio i bisogni del mercato riducendo, significativamente, le distanze che, in passato, separavano le aziende dai clienti e, in generale, dai mercati di riferimento.

Comprese le potenzialità del web, oggi, la maggioranza delle aziende hanno o, comunque, si stanno adoperando per avere una adeguata presenza sulla Rete, riconoscendo che realizzare un buon sito web o gestire in modo corretto i canali social, possa condurre a sostanziali vantaggi di business nel breve, ma, soprattutto, nel medio-lungo periodo.

Pubblicato in Social Network

Il recente forum organizzato da Facebook e Confindustria giovani è stata un'occasione per raccontare i migliori esempi di digitalizzazione e per evidenziare alcuni elementi dai quali partire per favorire i processi di efficentamento digitale nel nostro Paese. Un contenitore, quindi, di eccellenze e buoni propositi che, tuttavia, ha voluto mettere anche in luce come il sistema non tenda a dare una mano a tutte quelle realtà che stanno tendando di avviare con fatica il passaggio verso il mondo digitale.

Trasformare l’economia tradizionale in economia digitale significa portare l’industria italiana (ma anche il mondo dei servizi) nel futuro innovando processi produttivi e creando nuovi elementi di competività e grandi opportunità di crescita.

Il 14 luglio scorso i Giovani Imprenditori di Confindustria e Facebook Italia hanno organizzano assieme, al MiCo (centro congressi di Milano), il primo Forum dell’Economia Digitale (FED) strutturandolo come un grande evento finalizzato a mettere in luce la rivoluzione digitale che sta cambiando, in modo irreversibile, non solo il modo di fare impresa, ma anche il modo di essere cittadini, lavoratori e consumatori.

Pubblicato in Social Network
Mercoledì, 17 Febbraio 2016 00:00

Facebook e i suoi 3,57 gradi di separazione

Frigyes Karithy fu il primo a introdurre, negli anni '30, il famoso concetto di “sei gradi di separazione”, aprendo una riflessione che sarebbe durata almeno un trentennio. Lo scrittore e giornalista ungherese affermo, in sintesi, che sono 6 i gradi di separazione che, al massimo, dividono ciascuno di noi da qualsiasi altra persona presente sulla faccia della terra.

In altre parole, qualsiasi individuo è collegato ad un altro attraverso una rete di conoscenze che porta, indirettamente, a potersi collegare con qualuque altra persona al mondo percorrendo, al massimo, una catena di 6 conoscenze dirette. Si tratta di una regola che non è mai stata né comprovata né confutata scientificamente ma che metteva, comunque, in evidenza quanto il mondo fosse sempre più connesso.

L'avvento del Web ha reso l'idea del "piccolo mondo" ancora più concreta. Attraverso strumenti di comunicazione come le email, le chat o i forum, i sei gradi di separazione sono apparsi, per la prima volta, più reali e tangibili rispetto al passato. L'intuizione di Karithy, dunque, non si dimostrò poi così lontana dalla realtà.

Pubblicato in Social Network

La realtà virtuale cambierà radicalmente le nostre vite. Ad affermarlo è stato il creatore di Facebook, Mark Zuckerberg, durante la presentazione del nuovo Samsung Galaxy S7, che ha preceduto l'apertura del Mobile World Congress 2016 a Barcellona.

Samsung ha presentato l'inatteso ospite che è stato accolto con grande clamore e piacere dal pubblico presente all'evento. Le cinquemila persone in platea, completamente immerse nella realtà virtuale dei Gear VR, non lo hanno visto camminare accanto a loro, ma lo hanno ascoltato spiegare come la realtà virtuale presto cambierà il mondo.
Il CEO di Facebook ha infatti deciso di partecipare all'evento per condividere gli ultimi sviluppi e raccontare al pubblico come ognuno di noi potrà presto condividere le proprie esperienze esattamente così come le ha vissute.

Pubblicato in Social Network
Lunedì, 08 Febbraio 2016 00:00

Le applicazioni della Realtà Virtuale

La realtà virtuale viene presentata, da tempo, in particolar modo, come la nuova frontiera dell'intrattenimento. Le sue applicazioni, tuttavia, sono davvero molteplici e comprendono anche ulteriori importanti settori dell'audio-visivo, dello sport e dell'education.

Dopo anni di attese, finalmente Oculus ha vuotato il sacco sul debutto commerciale di Rift. Il primo HMD (head-mounted display) per la realtà virtuale verrà lanciato al prezzo di 600 dollari negli States e sarà disponibile in 20 diversi paesi. Le prime spedizioni partiranno il 28 di marzo.
Il prezzo di Oculus Rift è stata una sorpresa poco piacevole, soprattutto in Italia, dove il caschetto per la realtà virtuale costerà la bellezza di 742 euro, spese accessorie incluse. Il pacchetto base includerà infatti l'HMD, un joypad Xbox, una copia del platformer in VR Lucky's Tale, il telecomando Oculus Remote che consentirà navigare le esperienze virtuali in comodità in attesa de controller touch.

Pubblicato in Nuove tecnologie

Facebook ha deciso di facilitare l'interazione tra aziende e clienti utilizzando direttamente i siti ufficiali delle aziende.
Il social network di Mark Zuckerberg ha da poco, infatti, rilasciato un aggiornamento del plug-in per incorporare le pagine Facebook all'interno dei siti web delle aziende permettendo, a queste ultime, di aggiungere un box per messaggi all'interno di una pagina del loro sito ufficiale senza la necessità di accedere a Facebook tramite desktop o app-mobile.

Pubblicato in Social Network

In tempi in cui si parla sempre più spesso del tema dell'identità digitale e dell'eredità di quest'ultima dopo la morte, anche i Social Network si stanno adeguando per gestire il problema.

Ma mentre Facebook, ad esempio, ha recentemente consentito di indicare, all'interno delle impostazioni di protezione, un contatto di un erede che potrà occuparsi del nostro account (Impostazioni > Protezione > Contatto erede), nonchè, scegliere se eliminare definitivamente il nostro account alla nostra dipartita, ancor di più, promette di fare il neonato Eter9, il primo social network che ci vuole assicurare, addirittura (udite bene) la nostra “immortalità digitale”.

Pubblicato in Social Network

In un periodo di contrazione dell'intero mercato dei media italiani, c'è una nota sicuramente positiva: la crescita sostanziale dell'Internet Media.
La pubblicità online, ha infatti registrato un'impennata del 17% dal 2008 ad oggi e si appresta a superare la fatidica soglia dei 2 Miliardi di euro.

Un'anomalia rispetto al settore dei media in Italia che, al contrario, negli ultimi sette anni, ha perduto complessivamente un quinto del suo valore.

La crescita della pubblicità online è sostenuta principalmente da un elemento: sempre più italiani utilizzano la rete per informarsi. Due su tre leggono notizie online quotidianamente, sfruttando, i siti informativi, le app dei giornali, i social network ed i portali generalisti.

Pubblicato in Social Network

Negli ultimi anni abbiamo assistito, in seguito alla diffusione mondiale dei grandi social network, alla nascita di una particolare area del Marketing denominata "Social Media Marketing".

Diretta conseguenza di questa silenziosa ma epocale rivoluzione è stata quella di portare ogni azienda e, più in generale, ogni realtà per la quale è importante la comunicazione verso l'esterno, a confrontarsi con nuove modalità e nuovi strumenti di diffusione dell'informazione a prescindere dalle proprie dimensioni o dal target geografico di riferimento.

Pubblicato in Social Network
Mercoledì, 12 Marzo 2014 00:00

Ecommerce & Mobile Web

I dispositivi mobili stanno progressivamente rivoluzionando il modo in cui gli utenti si avvicinano ed utilizzano gli strumenti di ecommerce sul web.

Secondo l’indagine "Netcomm e-Payment 2014" che ha diffuso i dati rilevati da "Human Highway" sui comportamenti degli utenti online, la diffusione capillare di piattaforme mobili spesso accompagnate da App di commercio elettronico sviluppate ad hoc per le medesime, ha oramai creato uno specifico canale di vendita che, a fine 2013, registrava in Italia un incremento del 200% rispetto all’anno precedete per un valore complessivo di oltre 1,7 miliardi di euro.

Pubblicato in E-commerce
Pagina 1 di 2

Ultimi articoli

Seguici sui nostri social network

Close